Endodonzia

L’endodonzia si occupa di curare la polpa dentale (tessuto presente all’interno del dente, che contiene il nervo, i vasi sanguigni e il tessuto connettivo molle) e i tessuti che circondano il dente. Questo trattamento è conosciuto anche come cura canalare: il dentista rimuove la polpa, riempie l’interno con un materiale di riempimento adatto e sigilla la radice con una gomma termoplastica chiamata guttaperca.

La cura canalare diventa necessaria quando il tessuto nervoso o la polpa sono infiammati o infetti. Se non si procede con il trattamento endodontico, il dente peggiorerà, portando dolore alla zona infiammata e anche all’ascesso.
Il trattamento viene praticato in anestesia locale, quindi il paziente non sentirà nulla.

Come avviene una cura canalare

Per prima cosa il nostro endodontista – un medico specializzato in diagnosi, prevenzione e cura delle malattie e delle lesioni della polpa dentale – farà una radiografia dell’arcata per conoscere la forma e l’estensione dell’infiammazione e poter decidere il trattamento più adatto.
Dopo l’anestesia si posiziona una diga in lattice sul dente, affinché non possa cadere nulla nel dente, neanche la saliva, e la zona da curare resti asciutta. A quel punto l’endodontista rimuoverà il tessuto della polpa e ripulirà i canali.
Il passo successivo della cura canalare prevede il riempimento di ogni canale con guttaperca e un cemento sigillante. La guttaperca è biocompatibile, quindi non provoca alcun effetto nella bocca.
Il dentista otturerà il dente con un riempimento temporaneo: a una seconda seduta il dente sarà chiuso o con un’otturazione permanente o con una corona dentale artificiale.

Quando è necessaria una cura canalare?

Ci sono vari sintomi che ti fanno capire quando hai bisogno dell’endodonzia:

  • formazione di un ascesso alla radice del dente
  • sensibilità prolungata a sostanze calde e fredde
  • forte dolore, continuo o durante la masticazione
  • rottura del dente

Quando la polpa dentale è infetta, i batteri si moltiplicano nella camera pulpare e assieme alla polpa morente, creano un’infezione o un ascesso, cioè una sacca piena di pus che si forma alla radice del dente. Se l’infezione avanza, il dolore e il gonfiore si possono estendere fino ad altre parte del viso.

endodonzia

Una volta eliminata l’infezione, grazie alla cura canalare il dente restaurato potrà svolgere normalmente la funzione masticatoria. È importante, comunque, curare con attenzione l’igiene orale dopo il trattamento endodontico.

Condividi con i tuoi amici

PRENOTA UNA CONSULENZA GRATIS e SENZA IMPEGNO

Guarda il servizio de La Gabbia su Viaggiare e Sorridere

Media che parlano di Noi

Media su endodonzia

Richiedi un Preventivo Gratuito, compila il form sottostante.

Premere Scegli file per caricare i documenti .

Continuando a utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso dei cookie. più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close